Gamification food … Non basta solo mangiare

Il web come “territorio” gastronomico da assaggiare!

E’ necessario stimolare l’interattività con i prodotti scoprendo nuovi modi di condividere il gusto della cucina e della dieta  mediterranea .

Non siamo ipocriti, il web è un contesto ipermediato non facile!

Parlare di cibo e di web è ancora più complicato …

Chi si trova in mano da gestire un’attività con fatture non pagate e conti che non tornato ha ben altre cose da pensare che alle nostre “menate” da speculatori del marketing .

Ma cavolo! Se ci deste un pò più di fiducia forse avremo modo di sorprendere e mistificare i vostri pregiudizi.

 

 

 

Ho letto di alcuni esperimenti web location based services* applicati al settore food.

Avete presente i  “butta dentro” che stanno davanti ai ristoranti nelle città turistiche come Roma?

Quelli che vi fermano e vi dicono: “Salve volete gustare i nostri piatti?” con un  invito persuasivo verso il loro ristorante?

Ecco, bene! Ora immaginate di poter fare la stessa cosa con degli strumenti interattivi NON fastidiosi come i  “butta dentro”!

L’Italia ha il patrimonio gastronomico più importante del mondo.

E’ necessario stimolare l’interattività con i prodotti scoprendo nuovi modi di condividere il gusto della cucina e della dieta  mediterranea .

Come, quindi, le piccole imprese del settore food possono gestire la loro attività e sfruttare le potenzialità degli strumenti di “connessione” con le persone ?

Giorgio Soffiato ha intervistato  Fabio Viola sul tema “Gamification”

Ne è uscito un bel dialogo e alcune idee interessanti come quella di 4food che ha massimizzato l’esperienza dei clienti facendoli diventare protagonisti partecipanti dell’attività.

Altro esempio che potrebbe stimolare la curiosità “nostrana” è Foodzy un metodo per tenere traccia di ciò che mangiamo  offrendo la possibilità di condividerlo con gli altri.  Lo scopo è quello di fare attenzione alla salute alimentare attraverso la partecipazione ed il gioco della “ricompensa”.

Se volete registravi Thenextweb ha fortnito il codice di invito da inserire nel modulo di iscrizione : TNW2011

Chiudiamo ponendo alcune domande:

  • Cosa potrà succedere nei prossimi 5 anni nel settore food ?
  • Quali sono le cose che un imprenditore del settore alimentare deve affrontare per ottimizzare la propria struttura verso le nuove dinamiche sociali ?

Ma soprattuto :

  • Il contesto italiano è pronto a questa nuova sfida?

Secondo noi sarebbe meglio che ci si desse una svegliata, un pò tutti !

*Location Based Services

@Credit Image: Inkiostrando

@Credit Image: Truefoodnow

Annunci
Comments
2 Responses to “Gamification food … Non basta solo mangiare”
  1. Fabio Viola ha detto:

    Interessante articolo, non conoscevo Foodzy! Bello spunto di riflessione
    E grazie per la citazione

    Fabio Viola
    http://www.gameifications.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: